mercoledì 6 gennaio 2010

Blueberries cheesecake


A 15 anni i miei genitori mi spedirono per un mese in Inghilterra, a Halifax, per una vacanza studio. Fu un’esperienza bellissima! A differenza di molti amici che rientravano scontenti da questi viaggi, il mese passato in questa piccola cittadina dello Yorkshire mi fece innamorare di questa terra. Vivevo in famiglia e di giorno frequentavo una scuola gestita da Judith, amica di università della mia professoressa del liceo. La scuola accettava un solo studente per nazione in modo da costringere tutti i ragazzi a parlare unicamente in inglese (anche se io baravo un po’ perché, studiando il francese, sfruttavo Benedicte che accettava molto volentieri di chiacchierare nella sua lingua madre). Già all’epoca ero una buona forchetta e soprattutto ero molto curiosa riguardo ai cibi. Allora come adesso adoro assaggiare tutto! Ma alla partenza, i racconti degli amici sul cibo in Inghilterra, mi avevano fatto preoccupare non poco. La famiglia che mi ospitava era composta da Michael, direttore del museo di Halifax, sua moglie Penny e due bambini, Richard e Robert, all’epoca piccolissimi. Penny era un’ottima cuoca e fu una piacevole sorpresa! Soprattutto per quanto riguardava la preparazione dei dolci!!!! E fu grazie a Penny che scoprii un dolce che ancora oggi mi riporta indietro nel tempo a quel primo assaggio: il Cheesecake.
Intendiamoci: non è che non ci siano torte altrettanto buone, ma il cheesecake per me ha qualcosa di speciale. Quindi, quando l’altro giorno sul sito di Nigella (troppo forte questa donna!!!) ho visto questa ricetta non ho saputo resistere. Ho sempre preparato il classico cheesecake, quello cotto, ma questa versione è piacevole, fresca e cremosissima. Naturalmente ognuno può personalizzare il top con quello che più gli aggrada. Io ho usato della marmellata di mirtilli preparata questa estate unita a dei frutti freschi.
Blueberries cheesecake
125 gr. Biscotti digestive
300gr. crema di formaggio
60 gr. zucchero a velo
75 gr burro
1 bustina di vanillina
250 ml. Panna
2 cucchiaini di succo di limone
Marmellata
Mettere nel mixer i biscotti e il burro, fino ad ottenere un impasto che ricorda la consistenza della sabbia bagnata. Pressare l’impasto in uno stampo a cerniera di 20 cm. di diametro. Mescolare in una ciotola la crema di formaggio, la vanillina, il succo di limone e lo zucchero a velo. Montare leggermente la panna e poi unirla al composto di crema di formaggio. Versare l’impasto nella tortiera livellandolo bene, coprire con della pellicola e lasciare in frigorifero per minimo tre ore, meglio se per tutta la notte. Prima di servire coprire con la marmellata preferita (o composta o gelatina naturalmente meglio se preparate in casa)

Con questa ricetta partecipo alla raccolta di In cucina con Masterchef


4 commenti:

germana ha detto...

Hanno fatto proprio bene i tuoi a spedirti in Inghilterra. E' bellissimo conoscere il mondo con gli di un'adolescente!!!
Il cheesecake? Deve essere proprio buono.
Buon 2010

Bosina ha detto...

Bianca, beata te... l'inglese è il mio tallone d'Achille :). Alle medie mi hanno spedito nella sezione di francese, così me lo sono sorbito anche al liceo. L'approccio a vent'anni con l'inglese è stato una catastrofe... non c'è proprio stato verso di farmela entrare bene nella zucca! Pensa che una volta ad un inglese ho dovuto dare delle indicazioni in latino perché non sapevo come altro fare :)))))
Senti, ma i digistive come li posso sostotuire?

alessandra (raravis) ha detto...

oooohhhhhhhhhhhhhhhhhh finalmente!!!! un'altra estimatrice della cucina inglese, in tempi non sospetti! Felice di aver trovato una "compagna di strada" - e felice che tu abbia ripreso a scrivere sul tuo blog
ciao
ale

Bianca ha detto...

Germana: Buon 2010!!!! Hai ragione cara, si imparano un sacco di cose e si impara anche a rispettare gli altri. Ecco perchè spingo i miei figli in giro per il mondo

Laura: io ho fatto il liceo linguistico perchè adoravo le lingue e l'inglese in particolare.
Per i digestive, sinceramente non so cosa dirti, io uso sempre questi. Dovresti trovare un biscotto integrale ma molto friabile, proprio per ottenere l'ffetto sabbia

Ale: io a dispetto di quello che si sente in giro adoro la cucina tradizionale inglese!!

Related Posts with Thumbnails